BONUS ENERGIA SICILIA – Aiuti alle imprese per i maggiori costi legati alla crisi energetica

La Regione Siciliana, con il presente Avviso, intende intervenire a sostegno delle imprese operanti sul territorio regionale per la mitigazione degli effetti prodotti dalla crisi internazionale, con riferimento ai fabbisogni di liquidità determinati dall’incremento delle spese legate al consumo energetico da parte degli operatori economici attivi e con sede operativa sul proprio territorio regionale.


BENEFICIARI
Aziende, con determinati codici ATECO (primari o prevalenti) presenti in allegato sotto, con unità operativa in Sicilia almeno a partire dal 01/02/2021 e in possesso di DURC in regola


AGEVOLAZIONI
Le spese ammissibili sono determinate in funzione del fabbisogno di liquidità determinato a causa dell’incremento delle spese legate al consumo energetico causate dalla crisi internazionale collegata al conflitto Ucraina – Russia.

L’aiuto a FONDO PERDUTO è calcolato nella misura percentuale del 30% sull’aumento (rispetto alle tariffe 2021) del costo energetico (gas o elettrico o entrambi) riferito al periodo dal 1° febbraio 2022 alla data dell’ultima fattura di fornitura disponibile. Il consumo di energia può riferirsi fino ad un massimo di tre unità operative in Sicilia.

L’aiuto sarà concesso unicamente alle imprese che hanno registrato un aumento minimo di € 5.000,00 (determinato come descritto nel punto che precede e nell’Allegato C all’Avviso).

L’importo massimo di aiuto concedibile ammonta ad € 20.000,00 per impresa.


PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12:00 del giorno 14/02/2023 e fino alle ore 12:00 del giorno 14/03/2023 salvo eventuali proroghe concesse dall’Amministrazione.
La domanda di agevolazione è soggetta al pagamento dell’imposta di bollo di 16 euro.


GRADUATORIE
Successivamente, al fine di dare priorità alle imprese maggiormente danneggiate dal nuovo scenario internazionale, si procederà ad ordinare in graduatoria le domande pervenute sulla base della maggiore incidenza percentuale dell’aumento del costo dell’energia sostenuto dalle imprese nel periodo successivo al 1° febbraio 2022.


DOTAZIONE FINANZIARIA 150 MILIONI DI EURO